Just another WordPress.com site

In tutti i vangeli, la Parola emerge dal silenzio. In Giovanni  è il silenzio all’ inizio della creazione .In Luca è il silenzio del povero vecchio Zaccaria , reso muto dall’ angelo Gabbriele, perchè ha dubitato che Elisabetta potesse avere un figlio. In Matteo è il silenzio imbarazzato tra Giuseppe e Maria, quando Lei gli dice la novità prima del matrimonio. E in Marco è la voce di uno che grida nel  deserto  – la voce da  tempo dimenticata dalla profezia che rompe il silezio del deserto e del tempo. (Barbara Brown – Taylor, whe god in silent, p.73 )  ………………………………….
 
Ora, per sentire ciò che Dio ci dice, abbiamo bisogno di interrompere completamete il rumore metale.  Ed è più facile di quanto crediamo : tutto quello che devo fare è rendermi conto che parlare a me stesso mi divide i due, me e me stesso, e ciò non è  veritiero, quindi  dentro di me posso lasciar perdere questo io-con-io, ed è li che c’è Dio e c’è stato in tutto questo tempo. Non ci sono due io : l’ amore è uno. All’ inizio è un pò sconvolgente , ma fai qualche respiro profondo e dì : < Ok, Dio, sono qui. Adesso tocca a Te>. Moore, The Contagion of Jesus, p.172
  

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: